nel post precedente ho parlato di tre ragazze che bevevano
o meglio di tre ragazze a casa di luca
che non è una canzone
ma archibugi
di tre ragazze dicevo che parlavano con il bicchiere in mano
e detta così mi sembra meno alcolistianonimi
anzi
farò proprio i nomi
rosa polacco chiara di domenico e io cioè francesca romana gallerani
a dire il vero chiara ebbe anche altre idee ma siccome contengono parolacce non le riferirò
il perchè rosa ebbe l’idea di mammanarchica è piuttosto evidente
ho sempre vissuto il mio ruole di madre con ironia
auto e non
con serenità
e cosa che la colpì molto
senza farmi una notte in bianco
ma esco subito dal discorso madri maternità poppate e cagate varie
è di rosa che voglio parlare
ma non dirò la sua data di nascita
e
per i maschietti
non darò il suo numero di telefono
rosa la conosco praticamente da sempre
lei e anche tutta la sua famiglia
anzi la sua famiglia la conosco talmente tanto bene che ne ho sposato un pezzo
un gran bel pezzo a dir la verità
in qualche modo le devo un marito
ma ha provveduto da sola
un giorno
quando sarò ricca
per ringraziarla le regalerò una borsa chanel
voglio che tutti sappiano che è l’unica al mondo che può darmi della snob
che è l’unica a cui rivelo i nomi delle creme migliori e i segreti di cucina
che è l’unica al mondo che riesce contemporaneamente a farmi irritare e divertire
che quando ci diamo appuntamento io e lei arriviamo tutt’e due in ritardo ma nello stesso momento
voglio che si sappia pubblicamente che ho saputo che il suo tacchino ripieno è buonissimo
e che se me lo preparasse anche a me una volta sarei contenta
voglio anche che si sappia che quello che le scorre nelle vene è buon sangue che non mente
che l’adoro
con l’erre moscia
come direbbe lei
quando fa la snob
(tiè, pari)