Venerdì mattina

La sveglia non è suonata

E fuori la strada è ancora bagnata

Vigile vigilante

Il giorno è tuonante

E mi rimetto a dormire

Amore mio che sei il mio dire

Il mio fare

Il mio mare

Il mio tutto

Che mi ami anche se sono brutto

Oh oh

Sabato sera

Spengo la cera

della candela bruciata dal vento

io sono un cantante

ho un pubblico pagante

e mi rimetto a cantare

amore mio che sei il mio dare

il mio mare

il mio tutto

che mi ami anche se sono gnucco

oh oh

domenica a pranzo

paste e bignè fino all’avanzo

vino e amaro

e sono ubriaco

e mi rimetto in bagno

amore mio che sei il mio faro

il mio tutto

che mi ami anche se sono un ruttooooo

oh oh

oh

ooooohhhhh