sarò sincera
il natale mi piace
mi piacciono i regali
quelli che ricevo io e quelli che scartano le bestie
che ogni anno dicono
è il natale più bello della mia vita
dei regali mi piace l’attesa
aspettare la mezzanotte
scendere al piano di sotto e trovare i pacchetti
e i bambini che cercano le tracce di babbo natale
mi piacciono le lucine
sull’albero
sparse per casa
in giardino
e mi piace cucinare
veramente mi piace cucinare sempre
anche in un martedì qualunque
siamo una famiglia numerosa
siamo tanti e allargati
più ovviamente cani e gatti
quindi bisogna cucinare per molti
ci ritroviamo tutti il 24 sera
si preparano due tavole
perchè in una sola non ci stiamo
e mangiamo il cappon magro
che è un piatto ligure e buonissimo
con una preparazione lunga
fatta di passione e pazienza
verdure pesce crostacei ostriche e una salsa verde che tiene il tutto
intanto è bello ancora prima di farlo
andare a comprare gli ingredienti
soprattutto se abitate a genova
c’è il mercato orientale dove trovate tutto
io invece frammento
e vado dal besagnin per le verdure
a sottoripa per i pinoli e il mosciame
nei vicoli per le gallette
al pesce ci pensa mio marito
e non fate battute sceme!
comunque
vi servono le gallette del marinaio che farete ammorbidire con acqua aceto e sale tra due piatti per un giorno più o meno
1 cavolfiore
1 rapa rossa cotta alla brace
3 etti fagiolini
1 sedano
2 carote
2 etti di patate
2 mazzi di scorzonera
1 mazzo di asparagi
6 carciofi
lessate le verdure tutte separatamente
io ho usato il microonde che cuoce a vapore
una figata
si risparmia tempo e non si sporcano pentole
dopo il bidone aspiratutto l’acquisto più intelligente della mia vita
poi una volta cotte le condite sempre separatamente con olio (che sia buonissimo e a bassa acidità) aceto e sale
tranne i fagiolini la scorzonera le carote e i carciofi che condirete con olio e limone e sale
ora occupatevi del pesce
ombrina per esempio
e lessatelo come si fa per il pesce cioè mettendo nell’acqua gli odori
pulitelo togliete le spine fatelo a pezzetti e conditelo con olio limone e sale
poi prendete l’aragosta e non fatevi intimorire o intenerire
bisogna ammazzarla e bisogna che sia viva
legatela stretta a un tagliere di legno per esempio
io uso la pesciera
e affogatela nell’acqua bollente
svuotatela pulite bene il carapace e condite la polpa come il pesce
lessate i gamberi e gamberetti
io l’ho lessati nell’acqua di cottura del pesce
e preparate la salsa
ora
della salsa vi do due versioni
una molto genovese con aglio
una più deliacata senza
io la faccio senza aglio
frullo come se dovessi fare un pesto
2 etti di pinoli
3 etti di prezzemolo
1 vasetto di capperi sott’aceto
2 uova sode
la mollica rafferma di una pagnottina fatta rinvenire con acqua e aceto
olio a filo
assaggiate e regolate di sale olio e aceto
versione agliata e strong
6 etti prezzemolo da pulire
1 etto pinoli
3 spicchi aglio grossi
olive snocciolate
80 g capperi
1 vasetto acciughe
3 rossi uovo sodo
2 bicchieri olio oliva
1 bicchiere aceto
mollica di pane bagnata in aceto abbondante
fatta la salsa non ci resta che comporre il piatto
io faccio così
prendo un’insalatiera a cupola molto grande
la rivesto con la pellicola e faccio uno strato sottile di salsa verde
poi faccio tutti strati di verdure e pesce alternati con la salsa
divertitevi con i colori
per ultimo metto uno strato di mosciame a fette sottilissime circa 50 gr. e chiudo il tutto con le gallette del marinaio
ricopro con la pellicola e lascio riposare in frigo per 1 giorno intero
mi riposo anche io e arrivo alla sera della vigilia tutta bella e profumata
1 ora prima di servire sformo il capolavoro
lo ricopro con la salsa verde avanzata i gamberi e gamberetti uova sode olive verdi di spagna in cima l’aragosta ripiena con la polpa che avevo già lessato e condito
e tutto intorno un bel giro di ostriche
bevete champagne e non ci pensate!
per i dolci ho ordinato da villa pandolce alto basso carammellati cioccolatini torroni frutta candita…
ma per capodanno vado da rosa e il pandolce lo preparo io
che porta bene!

foto di edoardo la porta